Papa Francesco a Verona all'Arena di Pace, in 10mila lo applaudono

 

Papa Francesco è arrivato all'Arena di Verona, per prendere parte all'evento "Arena di pace".

Oltre 10mila persone lo salutano con applausi.
L'arrivo del Pontefice ha "interrotto" il discorso che stava svolgendo sul palco don Luigi Ciotti, incentrato sul no alla guerra e alle armi.

"E' vietato illudersi, vietato arrendersi. Se tutto dice guerra, le scelte individuali di pace restano possibili e indispensabili" ha detto don Luigi Ciotti.

Papa Francesco è arrivato in auto all'Arena di Verona dove stamane, come terzo appuntamento della sua visita nella città veneta, presiede l'incontro "Arena di Pace - Giustizia e Pace si baceranno". Nel corso dell'evento il Pontefice risponde ad alcune domande sul tema, poste da operatori e associazioni.

"Questo auguro a voi e alle vostre comunità: una 'santità capace', una fede viva che con carità audace semini il Regno di Dio in ogni situazione della vita quotidiana. E se il genio di Shakespeare si è fatto ispirare dalla bellezza di questo luogo per raccontarci le vicende tormentate di due innamorati, ostacolati dall'odio delle rispettive famiglie, noi cristiani, ispirati dal Vangelo, impegniamoci a seminare ovunque un amore più forte dell'odio e della morte. Sognatela così, Verona, come la città dell'amore. E che l'amore di Dio vi accompagni e vi benedica". Ha evocato la vicenda di Romeo e Giulietta papa Francesco al termine del suo discorso ai sacerdoti, ai religiosi e alle religiose durante l'incontro nella Basilica di San Zeno, a Verona.

Nell'incontro di Papa Francesco con i detenuti del carcere di Montorio, a Verona, mancheranno numerosi reclusi, uomini e donne, del penitenziario, che hanno espresso il timore di essere riconosciuti nelle immagini delle telecamere di Vatican media, ammesse nella struttura. Lo si apprende da fonti del carcere. Pur rassicurati sul fatto che, eventuali riprese saranno effettuate in campo largo, senza 'stringere' sui volti, diversi detenuti e detenute hanno preferito rimanere nelle loro celle, proprio per il timore - hanno spiegato - di poter essere riconosciuti nei servizi video che andranno in tv.

"Cari fratelli sacerdoti, mi fermo su una cosa: i sacerdoti che sono ministri del sacramento della penitenza, per favore, perdonate tutto! Perdonate tutto. E quando la gente va a confessarsi, non andare lì a inquisire. E se voi non siete capaci in quel momento di capire, andate avanti, il Signore ha capito". Lo ha detto papa Francesco 'a braccio' durante l'incontro con i sacerdoti e i consacrati nella Basilica di San Zeno, a Verona.

L'elicottero partito dal Vaticano è atterrato nell'antistadio del Bentegodi ed è stato accolto dal vescovo Domenico Pompili, dal presidente del Veneto, Luca Zaia, dal sindaco Damiano Tommasi, e dal presidente della Camera Lorenzo Fontana. E' quindi salito nell'auto papale, che lo ha portato nella prima delle sue tappe della visita alla città scaligera, nella basilica di San Zeno. 

Papa Francesco è arrivato in auto alla Basilica di San Zeno, a Verona, dove, come primo appuntamento della sua visita nella città veneta, incontra i sacerdoti, i religiosi e le religiose. Al termine, in Piazza San Zeno, il Pontefice incontra i bambini e i ragazzi, prima di trasferirsi all'Arena di Verona per l'incontro "Arena di Pace - Giustizia e Pace si baceranno".

"Una visita importante e storica. E' soprattutto importante che si parli di pace, bisogna ricordare il valore della pace, il valore della diplomazia in questo particolare momento storico". Lo ha affermato il presidente della Camera, Lorenzo Fontana, che stamani ha accolto papa Francesco a Verona. "Mi auguro - ha proseguito Fontana - che questo possa essere un appello che parte dal Papa da qui, da Verona, per tutta l'Italia ma soprattutto per tutto il mondo in questo difficile momento storico".

"Il sentimento è di gioia per questo incontro lungamente atteso tra Verona e Papa Francesco, ma direi anche di speranza per questo incontro all'Arena di Pace, che mette al centro la realtà che oggi sembra perfino censurabile per la mente di molti, e invece è l'attesa che secondo me sta nel cuore di tutti". Lo ha detto il vescovo di Verona, mons. Domenico Pompili, poco prima di accogliere papa Francesco per la visita alla città scaligera. "Papa Francesco - ha proseguito Pompili - avrà la possibilità di conoscere la città di cui ha sentito parlare tante volte, soprattutto per la musica lirica, di cui è appassionato. Per noi è l'occasione di ritrovare con lui la gioia del Vangelo, di cui è l'interprete più affidabile, e ripeto anche questa causa della pace, oggi così necessaria", ha concluso.

"Sono pagine di storia alle quali magari non ci rendiamo conto di partecipare. La visita del Santo Padre in un momento nel quale il messaggio di pace che lui porta è attualissimo". Lo ha detto il presidente del Veneto Luca Zaia, che stamani ha accolto papa Francesco per la visita a Verona. "Il Papa - ha aggiunto Zaia - sta facendo queste visite pastorali con questo messaggio che è importantissimo, in una regione che è l'unica al mondo che nella sua bandiera porta la parola 'pace' per millecento anni di storia. Hemingway diceva che la guerra è il contesto nel quale gli uomini peggiori mandano a morire gli uomini migliori: ecco, cerchiamo di fare in modo che aumenti il 'peso' degli uomini migliori rispetto agli uomini peggiori", ha concluso.

"Qui c'è un megafono delle tante voci, che già ci sono, di tante persone, delle associazioni, dei movimenti che si stanno impegnando e che possono essere oggi uniti, per capire che non siamo da soli a pensare che che una delle alternative possibili è la pace". Lo ha detto Damiano Tommasi, sindaco di Verona, che ha accolto papa Francesco al suo arrivo in città. "Al di là dell'empatia che papa Francesco sa creare ogni volta - ha aggiunto - credo che ci sia grande attesa perché c'è grande speranza anche per la nostra città, perché l'Arena di Pace è un luogo di dialogo, e la pace è molto sentita dalla comunità veronese", ha concluso.

Un'enorme statua in bronzo e acciaio di oltre 10 metri, installata in piazza San Zeno, è stata benedetta da papa Francesco nella sua prima tappa della visita a Verona. La scultura, dal titolo "L'abbraccio", è opera di Roberto Brizzi ed è stata realizzata nella fonderia artistica Bmn Arte di Verona, ideata dallo scultore Alessandro Mutto e realizzata con la collaborazione con lo specialista in bronzi artistici Ivo Adami. Pesa 4,5 tonnellate, con mani e piedi realizzate in bronzo fuso, mentre il corpo e le figure stilizzate sono fatte con l'acciaio. Nelle prossime settimane, la statua sarà smontata e trasportata a Gerusalemme, dove sarà collocata sul tetto del palazzo della Custodia, di fronte al Muro della Città vecchia, con un sistema di illuminazione interna che la renderà particolarmente suggestiva. Il progetto è stato voluto dall'associazione "Una Via Crucis per Gerusalemme" e dalla Custodia di Terra Santa, con il sostegno di mons. Rino Fisichella, di mons. Giorgio Benedetti e il placet del vescovo Domenico Pompili.