Riconoscimento facciale a Roma, Garante apre istruttoria

 

Il Garante per la protezione dei dati personali ha inviato una richiesta di informazioni a Roma Capitale su un progetto di videosorveglianza nelle stazioni della metropolitana.

Secondo alcune notizie stampa, in vista del prossimo Giubileo, l'Amministrazione prevede di installare telecamere con riconoscimento facciale, "in grado di verificare azioni scomposte" all'interno dei vagoni e sulle banchine da parte di chi in passato si è reso protagonista "di atti non conformi".

L'amministrazione ha 15 giorni per rispondere alla richiesta di informazioni del Garante privacy. Lo spiega l'autorità in una nota.