Sangiuliano, primo sì per la Via Appia Patrimonio Unesco

 

"Oggi è arrivata una bellissima notizia per l'Italia e per il suo patrimonio culturale.

Icomos, l'organo tecnico consultivo dell'Unesco, ha, infatti, raccomandato l'iscrizione de La Via Appia.

Regina Viarum nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità. La raccomandazione sarà sottoposta all'approvazione del Comitato del Patrimonio Mondiale nella prossima seduta in programma a New Delhi dal 21 luglio". Lo ha dichiarato il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano.
    "Si tratta di un riconoscimento di eccezionale valore per l'Italia, per la nostra storia e per le comunità che vivono lungo l'antico tracciato della Via Appia. La candidatura è stata promossa dal Ministero della Cultura con il coinvolgimento di quattro Regioni - Lazio, Campania, Puglia e Basilicata - 13 tra città metropolitane e province, 73 Comuni e 14 enti parco su cui insiste l'antica strada consolare romana e dove sono ancora presenti sue vestigia. A questi enti s'è aggiunto il prezioso contributo della Pontifica Commissione di Archeologia Sacra. Una volta che la candidatura de La Via Appia - Regina Viarum sarà approvata dal Comitato del Patrimonio Mondiale, l'Italia raggiungerà il traguardo di 60 siti riconosciuti come Patrimonio dell'Umanità confermando, ancora una volta, la sua indiscussa leadership mondiale in questo campo", ha concluso il Ministro.