Mal di schiena e cervicalgia tra ozonoterapia e discolisi

 - RIPRODUZIONE RISERVATA

Dal mal di schiena alla cervicalgia, dalle malattie sistemiche alle infezioni e ulcere cutanee: terapie innovative e rigenerative saranno presentate da Medinforma, centro medico con sedi a Bologna e Lecce, in un corso a Santa Maria di Leuca sabato 15 giugno.

Ne parleranno specialisti e medici di medicina generale.

La ossigeno-ozonoterapia è una terapia naturale che utilizza la molecola trivalente (O3) di ossigeno e interviene sui processi di ossido-riduzione dell'organismo producendo diversi effetti benefici: nelle ernie cervicali e lombari ne riduce il volume determinando spesso una regressione della sintomatologia e permettendo di evitare un intervento chirurgico. L'utilizzo nelle ulcere e ritardi di cicatrizzazione ne permette di ridurre i tempi di guarigione, spesso molto lunghi. L'utilizzo nel sangue (grande autoemo) consente una efficace azione sistemica, con miglioramento di patologie degenerative globali dell'organismo. Tra le novità, la discolisi, una tecnica chirurgica mininvasiva che si attua in anestesia locale, senza tagli: un'iniezione di una miscela di gas, ossigeno e ozono che viene fatta nel disco intervertebrale sotto controllo Rx in sala operatoria, ottenendo la riduzione dell'ernia e quindi la decompressione sulla radice del nervo, causa del dolore. Il recupero funzionale è più rapido e i costi per il Ssn sono più contenuti. Le infiltrazioni paravertebrali invece possono essere attuate in ambulatorio, anche se maggiore è il numero delle sedute: per eseguire queste tecniche è necessario un adeguato addestramento e una selezione dei casi.
    Il corso, organizzato con il Centro di Formazione Apulia, vedrà coinvolti all'hotel Terminal medici del settore, coordinati dall'ortopedico Lucio Catamo e da Paolo Tordiglione, anestesista dell'Umberto Primo di Roma, Valter Travagli, docente di Biotecnologie e Farmaceutica all'Università di Siena, Marco Protopapa (Simg Lecce), Mimma Bonfrate, anestesista, Linda Lanciano e Claudia Rosafio, medici di medicina generale.