Premier ceco Fiala accusa Mosca per il tentato incendio a Praga

 - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il primo ministro ceco Petr Fiala ha affermato che un fallito incendio doloso avvenuto a Praga la scorsa settimana è stato "molto probabilmente" organizzato e finanziato dalla Russia.

Lo riportano i media internazionali.
    Intervenendo dopo una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale ceco, Fiala ha affermato che il tentato attacco farebbe parte di una campagna "ibrida" di sabotaggio condotta da Mosca contro i paesi europei.

La polizia ceca ha detto che un cittadino straniero è stato arrestato sabato in relazione all'incidente ed è tenuto in custodia con l'accusa di terrorismo. È stato descritto come "un uomo di lingua spagnola originario del Sudamerica" e apparentemente era in Cechia da cinque giorni.
    Fiala ha affermato che il tentativo di dare fuoco agli autobus in un deposito di Praga è probabilmente collegato a una serie di episodi dolosi in Europa che sembrano essere orchestrati da Mosca, come l'attacco incendiario di maggio a Varsavia e uno simile in una filiale dell'Ikea in Lituania.
    "Il collegamento" con la Russia" non solo è possibile ma altamente probabile", ha detto il premier ceco aggiungendo che "l'attacco è stato probabilmente organizzato e finanziato" da Mosca.